Archivi categoria: POTARE (innovazione)

I proverbi hanno la “parola” lunga: calati juncu ca passa la china e la crisi economica in corso

Un vecchio proverbio siciliano dice: calati juncu ca passa la china!  secoli e secoli di sofferta sopravvivenza, un detto di cui la mafia s’è appropriata, modificandone leggermente il significato e rendendolo negativo.
Il proverbio nulla c’entra con la mafia, molto invece con la nostra filosofia gattopardesca. In questo contesto il proverbio assume il suo vero senso positivo, non è necessario essere il Consigliere tecnologico di un Segretario di Stato, basta essere un semplice “giardiniere“.

Continua a leggere

Annunci

Il credito di Imposta per gli hotel: il Tax Credit “turismo digitale”

turismo_digitaleAttivo dalla fine del mese di Febbraio il cosiddetto Tax Credit per il turismo digitale. In pratica si può richiedere il credito d’imposta (sino al 30% dell’investimento) per tutto quello che riguarda la presenza online dell’hotel: dal sito web alle attività di marketing a pagamento. Vediamo meglio come funzione

Qual è la cifra massima che si può richiedere come rimborso?

Continua a leggere

I 10 mercati più forti al mondo: una vetrina per ognuno di essi

nuovi_mercatiAl WOBI | World of Business Ideas Italia, Sandy Carter – General Manager di IBM – ha detto quali sono i 10 mercati più forti al mondo.
Una vetrina per ognuno di essi?

Il Totale che fa la Somma oppure la Somma che fa il Totale?

somma_totaleSe tutti cercano l’affare – senza entrare nel dubbio quando trovano il prezzo pazzo – e noi promettiamo:

  • + di far spuntare il sole (ad Ovest!) con le nostre ricette di marketing,
  • + portiamo le aziende sul web solo per fare leggere “chi siamo – dove siamo – i nostri prodotti” e
  • +  su facebook con nome “Bar” e cognome “del Porto

Quale sarà il Totale? 

Localizzazione delle informazione ed il “curtigghiu” di mia nonna

qui_quo_qua

[post iniziale del 2010 rivisto e corretto oggi] Aveva capito tutto Walt Disney molti anni fa, quando iniziò a disegnare Qui, Quo e Qua. I primi personaggi georeferenziati sin dal nome. Continua a leggere

Fare impresa è l’impresa

fare_impresa[scrivevo] Dal rapporto annuale della Banca Mondiale denominato “Doing Business” viene fuori sempre lo stesso dato: in Italia fare impresa è difficile. Abbiamo raggiunto la 65° posizione su 118 Paesi misurati, sulla base di alcuni indicatori tipo: tempi e costi di apertura o chiusura di una società, flessibilità del lavoro, accesso al credito, tasse, burocrazia, incidenza della giustizia civile. L’Italia addirittura ha peggiorato la posizione soprattutto perchè gli altri paesi hanno compiuto progressi molto più rapidi dei nostri nel corso dell’ultimo anno. Tre sono gli aspetti critici che la Banca Mondiale prende come elementi che hanno portato al peggioramento della posizione in classifica: Continua a leggere

Regola N° 1: il mercato sei Tu e le tue azioni

SaleLa macchina con il cofano aperto, confezioni di sale sistemate una sopra l’altra (noi li chiamiamo “coppi”) e con il megafono, per le strade, continuava a dire “Quando mi cercate non mi trovate. Accatativi u sali

email, newsletter, sms, app, notifiche, … tutto un’altro mondo.

Come chiedere un Prestito in Banca

Come [non] chiedere un prestito alla Banca se non conosci il Direttore.

Le Cattive Abitudini italiote Belle da Vedere!

Oggi si parla tanto di “SmartWorking” … peccato non vedere più queste scene!

La novità è che Internet, pare, non rappresenti una potenzialità per le microimprese

made-in-italyHo letto un articolo il cui titolo era questo “Istat: microimprese diffidenti verso Internet, per il 42% non è necessario” … e mi ci sono ritrovato immediatamente.

Specie a livello locale, nella frontiera della Sicilia, questo aspetto ha una sua verità. Non so se in percentuale somma cosi tanto, ma è assolutamente vero che Internet, il web, dagli artigiani locali e dai commercianti di vicinato [la massa del mercato locale], non è visto come una grande opportunità e come una necessità assoluta per fidelizzare la clientela. Continua a leggere