Archivi categoria: Pensieri in libertà

21 settembre World Alzheimer Day 2012: come perdere la memoria!

Come possiamo riuscire a comprendere cosa significhi,  nel quotidiano vivere, perdere la memoria?

Farci vivere questa, triste, esperienza è l’esperimento sociale creato dalla Olgivy di Brussels che ha creato un’applicazione da poter scaricare (qui). Questa app   il 21 settembre, mangerà, corroderà, distruggerà la nostra timeline di Facebook. Per un giorno perderemo la nostra “memoria virtuale” (cit.)  e chi verrà a trovarci nella nostra “casa” su Facebook non vedrà nulla se non informazioni di sensibilizzazione verso questa grande “tragedia” sociale che è l’Alzheimer.

Visto su Wired.it grazie al post di Paolo Iabichino (Invertising)

 

Annunci

L’evoluzione cromatica dei consumer: viene prima l’auto e dopo il telefonino, oppure il contrario?

Il mondo dell’auto condizionato da un telefonino? Pare di si.

Negli Stati Uniti d’America, infatti, nel corso dell’ultimo anno, circa il 20% delle autovetture nuove immatricolate sono di colore bianco. Rendendo questa scelta cromatica come la più popolare tra gli americani. Il dato è significativo, perchè , il “colore” nel settore auto ha un ruolo fondamentale: “Ogni cliente può ottenere una Ford T colorata di qualunque colore desideri, purché sia nero” la famosa frase di Henry Ford.  Continua a leggere

Vivere dentro una bolla … facendo benzina il fine settimana

Ci sono dei molluschi (ho letto da qualche parte) che a causa dell’aumento della  temperatura del mare, non riescono più a costruire la conchiglia. Ci sono degli animali, i Diavoli della Tanzania, che hanno contratto forme di cancro che si trasmettono per contatto. Noi  tutti viviamo dentro delle bolle, troviamo solo le informazioni che più ci interessano, e non ascoltiamo, leggiamo, conosciamo alcune notizie che potrebbero cambiare il nostro modo di pensare. Continua a leggere

Io cambio abitudini: L’ora della terra il 26 marzo

Il 26 marzo dalle 20.30 alle 21.30 io parteciperò all’evento globale del WWF: L’ora della Terra.  In tutto il Pianeta si spegneranno le luci per un’ora. Monumenti, palazzi, negozi, appartamenti. Comunità, scuole, singole case, aziende. Un appuntamento planetario al quale non si può mancare … ed io ci sarò. Ma questo non basta, occorre un impegno  quotidiano, per utilizzare le risorse che abbiamo in modo intelligente e sostenibile. Un impegno che spesso è un cambiamento di abitudini, una coscienza delle stupidagini che quotidianamente facciamo.

   Io cambio abitudini ed il fatto la giornata cada la vigilia del mio compleanno (27 marzo) avrà pure un qualche significato no? aderite anche voi

Dalla Polvere l’Arte prima che arrivi all’autolavaggio: Scott Wade

Scott Wade è un artista che crea opere splendide servendosi dello sporco accumulato sui vetri delle automobili.

I lavori sono però chiaramente destinati ad una breve esistenza, fino a che non si arriva all’autolavaggio … nulla dura per sempre e ogni momento va goduto appieno.

Che valore ha la vostra pagina su Facebook?

Volete conoscere il valore della vostra pagina su facebook, magari avete bisogno di liquidità?

La risposta potete trovarla su Vitrue e sul suo “valutatore”. Il calcolo è espresso in dollari, potete anche comparare il valore con altre pagine e verificare il confronto.

Questo il valore di facebook/pippoferrante solo 11 dollari. Fisco fregato 🙂

Il paradiso non è per tutti

Il paradiso non è per tutti (dove per tutti si intende proprio tutti,  anche quelli che in extremis cambiano per la retta via).

Il paradiso è per chi arriva per primo. Questa in sintesi la tesi della Lavazza che minaccia di agire contro Nespresso per lo spot ambientato in paradiso, la patria del duo Bonolis-Laurenti.

Come direbbe mio nonno: non c’è più religione.

Approfondimenti: spotanatomy, qui, dissapore, qui

Nel numero de “L’approfondimento” parlo di creatività ed innovazione

Nel numero in edicola, domani, de “L’approfondimento“, rivista locale bagherese, nella rubrica che periodicamente seguo, parlo del 2009 anno europeo della “creatività ed innovazione”. Ne avevo parlato tempo addietro in questo post.

L’idea di base di quanto scritto è che, se tutto ha un significato, la sequenza temporale creatività-innovazione non è casuale. Anzi, sta a significare che la creatività viene prima, e di molto, della innovazione. Non c’è innovazione senza creatività. La creatività è una sorta di forma mentis (sono d’accordo con quanto dice Anna Maria Testa sul suo “Nuovo e Utile“) a cui dobbiamo tendere per rendere più innovativa questa società in cui viviamo. Infatti quello che mi ha spinto a scrivere, nella rivista,  di questo argomento (più importante e grande di me) è il fatto che ritengo che la creatività vada oltre i soli confini artistici e le furbizie e sortefuggi (tipici della regione, ma non solo, in cui vivo), e comprenda il vedere in altro modo il quotidiano in cui viviamo. Anche nella soluzione di problematiche poco nobili: traffico, orari di lavoro, chiusure pedonali e via discorrendo.

Ovviamente suggerimenti e spunti per discutere insieme sono attesi.

Le tecnologie antropizzate

TVCC-casauccelli

Le tecnologie fanno cambiare la percezione del quotidiano e del conosciuto?

Una risposta potrebbe essere questa. Per una completa mimetizzazione in città.

Casa per i passeri (non più solitari). Compresa di digitale.

 

 

 

 

 Via| Boing Boing

Dopo il ponte di pasqua per le strade

Questa mattina le strade, gli incroci erano pieni di gente, di macchine  ma, stranamente tutto era “silenzio“.

 

babeltales_screamingdreamer

Più info sulla foto da qui.

via| Boing Boing