Fare impresa è l’impresa

fare_impresa[scrivevo] Dal rapporto annuale della Banca Mondiale denominato “Doing Business” viene fuori sempre lo stesso dato: in Italia fare impresa è difficile. Abbiamo raggiunto la 65° posizione su 118 Paesi misurati, sulla base di alcuni indicatori tipo: tempi e costi di apertura o chiusura di una società, flessibilità del lavoro, accesso al credito, tasse, burocrazia, incidenza della giustizia civile. L’Italia addirittura ha peggiorato la posizione soprattutto perchè gli altri paesi hanno compiuto progressi molto più rapidi dei nostri nel corso dell’ultimo anno. Tre sono gli aspetti critici che la Banca Mondiale prende come elementi che hanno portato al peggioramento della posizione in classifica: la diminuzione della flessibilità del lavoro, la lentezza della giustizia civile ed il pagamento delle tasse. In una sola classifica siamo tra i primi 30 paesi del mondo: la facilità con cui si chiude una società. In un ambiente di business che dall’esterno viene descritto in tale modo, quali azioni si possono prendere per cambiare alcune di quelle aree che il rapporto definisce di progresso?

[il post è del 2008 ed ho cancellato tutto il resto, perchè è inutile]

Quello che mi ha colpito di più di questo studio e dell’articolo apparso sul Ilsole24ore, vedi qui, è proprio la sottolineatura di come la nostra capacità e possibilità di miglioramento vada molto a rilento rispetto a quella di altri paesi, non solo dei classici paesi industrializzati, ma soprattutto quelli nuovi, gli emergenti. Se ci si riflette i tre aspeti a cui è legato il peggioramento sono tutti temi battuti e combattuti dalle classi politiche degli ultimi anni. Manca una pianificazione degli obiettivi? oppure non si hanno proprio obiettivi e si cammina alla giornata?

2 risposte a “Fare impresa è l’impresa

  1. Strano paese l’Italia. Se mi chiedessero: “dove vorresti vivere?” non avrei alcun dubbio e risponderei “in Italia”.
    Inutile prendersela con la classe politica, i politici ce li abbiamo messi noi e abbiamo sempre saputo di che pasta erano fatti. Sono il nostro specchio fedele. Credo che in Italia ci sia una diffusa tendenza ad essere parassiti, e se non lo si è, a diventarlo. Il cagnone che questi parassiti sopporta sono, quasi sempre, i piccoli imprenditori insieme ad una selezione di loro “dipendenti”.
    Un altro male dell’Italia? Ricerca, scuole secondarie, Università. Un altro bel disastro.

    Mi piace

  2. Guarda che per parassiti in Sicilia non scherziamo. Hai colpito in pieno, qui in Sicilia, per colpa delle numerose, illimitate, agevolazioni finaziarie male applicate c’è una parte (abbondante) della classe “imprenditoriale” che imprenditoriale non è. Questi imprenditori, come fanno impresa? come agiscono nel fare impresa? come manifestano necessità d’impresa? se sono nati nella cultura del assistenzialismo? Quando parlavo di politici non era per dare la colpa a loro era solo per dire che i temi affrontati sono temi storici del problema di fare impresa in italia, cavalcati da tutti e da nessuno risolti. E la colpa è degli imprenditori mica dei politici

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...