Archivi tag: buzz

La scelta in social … cioè io pago e tu decidi?

Secondo uno degli ultimi report di Nielsen, a livello mondiale i consumatori socialmente consapevoli sono giovani (il 63% è di età inferiore ai 40 anni), consultano i social media quando devono prendere decisioni d’acquisto e si preoccupano di questioni ambientali, educative e di alimentazione.

Una delle domande che ci si pone è: se devono acquistare un’automobile (esempio molto voluto), le persone sotto i 40 anni, bla bla bla,  chiedono ai loro contatti su FB, verificano se hai una pagina e magari si accorgono che hai un account fatto male?
perchè alla fine del mese, l’imprenditore anche se ti segue nelle tue “illuminazioni” di marketing, conta le sue belle autovetture vendute.  Continua a leggere

Annunci

La medicina, i medici, il dialogo e il passa parola

Viral, buzz o passa parola che sia, oggi molto utilizzato, studiato, fatto scienza;  è una metedologia che è naturale, innata, nei rapporti legati agli aspetti della medicina.

Patologia, medico, paziente, diagnosi, soluzione, passaparola è un circolo che si avvia sempre quando si parla di questi argomenti. Ho sempre ritenuto che il motivo stia nella importanza dell’argomento, niente di meglio delle informazioni date da una amico, da un amico dell’amico, che ha sofferto dello stesso problema. Anzi ancora di più, ogni informazione è soggettiva (dipende dalla singola esperienza) ma è proprio quella che noi cerchiamo, l’informazione da un soggetto che ha vissuto la nostra stessa esperienza. Continua a leggere

Io so che tu sai che io so

Non sopporto chi si nasconde dietro a qualcosa per tirarti un’imboscata. Posti di blocco, ausiliari del traffico,  GdF,  Capitaneria di Porto, colleghi, collaboratori, concorrenti, ammanicati ed ammanicanti.  Anche in guerra c’è un codice d’onore. Non si spara al pianista. Le donne ed i bambini non si toccano. Target, guerrilla, non -convenzionale (36 stratagemmi), buzz (alle volte fumo negli occhi), viral (aviaria-polli; h-suina; mucca-pazza). E poi …!

E poi basta un “papi” e passi alla storia