Durante il pranzo si presentano progetti e non pentole: il Food Raising

food_rusingE dopo il Cash Mob, per assonanza con il flash mob,  arriva il Food Raising, per  assonanza con il fund raising, un sistema di finanziamento dal basso che raccoglie fondi per sostenere progetti culturali attraverso l’organizzazione di pranzi e cene.

In sintesi funziona, più o meno, cosi:  si verificano le  esigenze locali e si raccolgono e selezionano  progetti di artisti o di creativi che propongono una ricaduta positiva sul territorio. I potenziali fruitori, invitati accuratamente, partecipano al pranzo organizzato come commensali con una quota minima (almeno  20 euro)  e durante il pranzo, invece di acquistare pentole, ascoltano le presentazioni dei progetti e assegnano il proprio voto al progetto che preferiscono. Il numero di partecipanti, tra le 50 e le 90 persone (che già è una cosa complicata per chi non pratica food per professione) non favorisce un ricavato in grado di coprire tutte le spese per la realizzazione dei progetti, ma garantisce una fonte di finanziamento, oltre a creare una rete di contatti e a inaugurare spazi in cui la discussione e il confronto si uniscono alla convivialità.

Potrebbe funzionare per innescare processi “sociali” virtuosi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...