L’emozione, la ragione, l’automobile: come decidiamo di essere liberi di muoverci

smart-mobilityLa differenza sostanziale tra emozione e ragione è che l’emozione porta all’azione e la regione a trarre conclusioni. Se questo è vero cosa succede nel mondo dell’automobile? come si comporta chi deve comprare oggi un’automobile?

Gli acquirenti di auto, storicamente,  si distinguono in:

  • emozionali: il modello è tutto, quello voglio e con tutti questi optional magari lo pago in 120 rate.
  • razionali: ho un budget e su questo scelgo anche in considerazione di quanto costa il mantenimento

Ma oggi questo non è cosi sintetico. Oltre queste considerazioni,  ci sono anche altri aspetti da considerare: le difficoltà a ricevere credito (il famoso finanziamento), le incertezze lavorative, il costo generale dell’automobile, il traffico (direbbe qualcuno), …

Le strategie di marketing diventano sempre più determinanti, specie nel settore usato, ma nessuno ancora cerca di far ricordare l’originale significato di Auto-Mobile: liberi di muoversi.

Su questo bisognerebbe concentrarsi per realizzare progetti di “senso” nel solco di una smart-mobilità

Foto| via thebizloft.com

4 risposte a “L’emozione, la ragione, l’automobile: come decidiamo di essere liberi di muoverci

  1. Ma se fosse solo questione di libertà di movimento basterebbe un autobus degli anni ’50! L’auto è un totem, non un ragionamento.

    Mi piace

  2. Caro Fausto conosci qualche addetto ai lavori, concessionario, rivenditore, che conferma quello che tu dici? purtroppo oggi non ha più il suo significato originale Auto-Mobile … liberi di essere. Non è più un Totem o, almeno, non lo è più per la maggior parte della gente.

    Mi piace

  3. Conosco una strada chiamata Via Emilia lungo la quale 15 anni fa potevo percorrere 15 km in 20 ‘, con un mezzo sensato. Era giallo e aveva 80 sedili. Costava poco.

    Poi abbiamo deciso di far crescere l’economia (e calare il cervello, forse è questione di ossidi d’azoto): et voilà, ecco un serpentone ininterrotto di scatolette che permettono di percorrere comodamente quei 15 km in ……un’ora e mezza! Naturalmente al decuplo della spesa, ma è solo un dettaglio. Geniale: è questa l’icona della modernità. Non ci resta che piangere?

    Mi piace

  4. Fausto … li 80 sedili forse oggi sono si .. libertà di muoversi. Anche dei mezzi con le ruote di ferro lo sarebbero meglio. Ma qui in Sicilia, ad esempio, neanche a parlarne. Ma 40 anni fa, Automobile era un nome che aveva un “senso”. Oggi è si un totem ma perchè è fermo!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...