Le “persone” al centro della comunicazione aziendale

Navigando per la rete scopro questi video (qui e qui) della Hermès realizzati per comunicare la “filosofia” della qualità, dell’eccellenza, della onesta che troviamo nei loro prodotti. Riprendono le storie di alcuni “lavoratori” con elementi molto personali, che mettono al servizio di Hermès le proprie mani, la propria testa, le proprie passioni. Questo è Hermès …

Se ci riflettete, cosa c’è di meglio nel conoscere le persone che stanno dietro alla realizzazione di quella borsa, di quella cravatta, di quel tessuto?Dietro ogni azienda ci sono persone con pregi e difetti. Cosi come, capovolgendo la logica, dietro ogni consumatore c’è una persona, non siamo un target.

Questo approccio molto meridiano alla comunicazione del brand è trasferibile non solo per i prodotti Hermès o simili, ma anche per altre tipologie di manifatture, quelle legate alla tradizione locale, ad esempio: la gastronomia, l’artigianato non solo d’arte, i servizi. Ma anche per altri settori più industriali è un approccio che ripaga. Nel mio piccolo è quello che ho fatto “fare” per 5 anni ad un azienda nel settore impiantistico tecnologico. In questo contesto, si intravede una chiara strada delle strategie da individuare nella presenza social, non è certo il “seguici su …”  che crea conversazione, cosi come si intuisce, purtroppo, la crisi dei blog aziendali che invece dovrebbero rappresentare un elemento portante della comunicazione. Mettendo da parte tutta la retorica possibile.

 

 

5 risposte a “Le “persone” al centro della comunicazione aziendale

  1. Articolo interessante! I video hanno sicuramente un grandissimo impatto e offrono la massima viralità. Credo però che la presunta “crisi” dei blog aziendali sia da riconsiderare, quella del content marketing sta diventando la strada con la maggiore conversione e il blog associato ai social network è decisamente lo soluzione migliore per creare interazione.

    Mi piace

  2. Alessio, scusa il ritardo nella risposta. Concordo con te sulla riconsiderazione del blog aziendale. Ma puoi darmi un esempio concreto di associazione tra blog e social network?

    Mi piace

  3. Pippo, perdonami, col mio ritardo ti ho battuto…
    Le notifiche non sempre funzionano a dovere🙂

    Senza scomodare grandi brand credo che il blog di Frank Merenda http://www.frankmerenda.com riassuma bene quello che si può raggiungere usando strumenti semplici e contenuti di valore. I numeri e i risultati raggiunti in questo caso sono pura “fantascienza” per il 99% della PMI e dei professionisti attivi con un blog.

    Mi piace

  4. It’s an remarkable post for all the online users; they will obtain advantage from it I am sure.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...