Essere concreti, comprendere i “bisogni” e dare un senso alle “liberalizzazioni”

L’ideologia ha fatto dire ad alcuni imprenditori, al momento della liberalizzazione totale del settore commercio: io non aprirò mai la Domenica o magari a pranzo. Dobbiamo essere tutti d’accordo. Ne va della nostra dignità. Dico questo, perchè è un fatto concreto capitatomi durante la mia esperienza come Assessore nel comune in cui risiedo. 

Poi, ti imbatti in una notizia del genere, “In molti dei 130 punti vendita della PAM, che il gruppo veneto delle grande distribuzione alimentare possiede in Italia,  sono stati affissi già da qualche settimana manifesti che recitano: «Sei studente? Lavora con noi la domenica»”. In sintesi, dove c’è necessità vengono reclutati studenti che lavorano il solo giorno di festa per un turno di otto ore e la loro prestazione è regolata dal contratto nazionale del commercio che prevede l’assunzione part time per giovani studenti. Il gruppo veneto non fornisce cifre precise sulla paga, ma almeno 300 euro in busta paga saranno sicure, considerando quattro domeniche al mese. Questo è quello che si intende con il termine “Progetto di senso“, la PAM fa comprendere di avere capito la logica delle liberalizzazioni soprattutto in termini sociali. Trovate tutto su lavoraconnoi.gruppopam.it

Riflessioni!

Via| iljournal.it  – Foto| via web

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...